Solo verdure di stagione, per favore!

Conserve da frutta e ortaggi a Km 0: gli Orti di Sairano

Conserve da frutta e ortaggi a Km 0: gli Orti di Sairano

A Sairano, una frazione in provincia di Pavia a meno di 4 Km dal fiume Po, non incontriamo un'azienda agricola, ma un intreccio ordinato e vivo di orti pulsanti, che si colorano all'unisono al ritmo delle stagioni.

Silvia mi accoglie con un gran sorriso nel cortile assolato: gli orti si sviluppano intorno alla casa di famiglia, e poi in altri due campi poco lontano.

La conosco ormai da un paio d'anni, da quando ho scoperto il suo banco al mercato del sabato: l'angolo più affollato e brulicante di tutta la piazza. Dietro alle cassette di verdure, rigorosamente di stagione, tre ragazze sorridenti, sempre pronte a spiegare una varietà di insalata, suggerire una ricetta o consigliare un ortaggio prima sconosciuto.

Solo più tardi ho scoperto che si trattava di Silvia, la titolare, e delle sue due migliori amiche.
Il segreto del loro successo? Tanta cura per i prodotti e un'amicizia lunga una vita.

Rispetto del consumatore, tra le file di insalata

«Tutto quello che portiamo al mercato arriva da qui», mi racconta mentre iniziamo a passeggiare tra gli orti.

È un caldissimo pomeriggio di fine Ottobre e sotto le serre le insalate alternano infinite sfumature di verde: valeriana, cicorino, spinaci, rucola. Tante qualità diverse, una accanto all'altra, alcune più piccine, altre già pronte per la raccolta.

«Le piantiamo tutte scaglionate», mi spiega Silvia, «così da raccogliere ogni mese una fila diversa e offrire quanta più varietà possibile

Agli Orti di Sairano si curano dai 25 ai 30 prodotti contemporaneamente. Qualcosa di impossibile per un'azienda intensiva.

Anche nella politica dei prezzi, Silvia e i suoi genitori prendono le distanze dalle logiche di mercato: «i nostri prezzi non oscillano, ma li teniamo sempre fissi in funzione dei nostri costi di produzione. Quando il mercato è invaso dal prodotto straniero, infatti, il prezzo imposto non è sostenibile per noi piccole aziende agricole. D'altra parte, quando i prezzi di mercato schizzano alle stelle io mantengo sempre lo stesso prezzo, non speculo sul mio consumatore.»

Se non è di stagione, non chiedermelo: non ce l'ho!

Mentre parliamo, continuiamo a passeggiare tra file di verze, cavolo nero, cavolfiori, broccoli. Grazie alla protezione dei tunnel, questi ortaggi potranno essere raccolti durante l'inverno anche quando comincerà a gelare.

«Così facendo riesco a portare un po' più avanti qualche prodotto. Ma attenzione: se un cosa non ce l'ho perchè non è stagione, non ce l'ho. Lo ripeto sempre al mercato, è la mia fissazione... alcuni clienti mi prendono anche un po' in giro!», sorride, «Ma é necessario ri-educare le persone alla stagionalità, ed alla varietà

Gli effetti dell'opera di Silvia si vedono: quasi nessuno chiede più le fragole a Natale, e nei piatti dei suoi clienti compaiono patate rosse e viola, il pomodoro zebrino a fine estate e in autunno la minestra, una verdura napoletana davvero eccezionale.

Ma soprattutto, nessuno dei suoi clienti si spaventa più se trova un verme nell'insalata.

«Noi le insalate non le trattiamo. L'insalata non ha un involucro che la protegge: questa che vedi qui io domani la raccolgo e dopodomani è al mercato. Non ha fatto viaggi, non ha preso smog, trattamenti... perchè tu mangi quello, eh!»

Dalla vendita all'ingrosso alla nascita del progetto: una storia di famiglia

Ascolto Silvia parlare e non posso fare a meno di chiederle da dove provenga tanta passione ed energia.

«I miei sono trent'anni che fanno questo lavoro. Mio padre è anche ferroviere e da quando ha aperto l'azienda agricola, insieme a mia mamma, ha sempre coltivato pomodori, zucchine e pochi altri prodotti che poi rivendeva all'ingrosso, nei mesi estivi.
Io facevo altro, studiavo Economia all'Università e lavoravo in un negozio.
Un giorno - avevo 23 anni - sentii che la Coldiretti aveva cominciato ad organizzare un mercato a km 0 in città. Erano i primi mercati di Campagna Amica.»

Silvia il sabato mattina non lavorava. Fu così che nacque l'idea, e la proposta: «Pa', facciamo un esperimento, proviamo a venderceli noi i nostri prodotti!»

E tutto ebbe inizio. «Me lo ricordo ancora come fosse ieri, nonostante siano passati nove anni: avevamo portato 8 o 10 cassette di zucchine, per provare. Beh, dopo un paio d'ore non avevamo più nulla!»

All'epoca la varietà di prodotti era molto limitata, eppure da subito l'entusiasmo dimostrato dai clienti è stato incredibile.

Da lì a poco, la scelta di Silvia: dedicarsi all'azienda di famiglia, dandole un'altra forma e una nuova visione.
«Io sentivo che poteva essere qualcosa che avrebbe avuto un futuro.»

E infatti, dal 2008 ad oggi gli Orti di Sairano sono cresciuti moltissimo: si lavora tutto l'anno, i mercati sono diventati 4 a settimana e l'azienda ha aperto il proprio spaccio.

Non si butta via niente: dall'orto alle conserve fatte in casa

«I miei genitori?», Silvia scoppia a ridere, «Adesso li faccio lavorare sempre!»

Il papà Giuseppe si dedica alla cura dei campi, mentre la mamma Maddalena trasforma i prodotti dell'orto e del piccolo frutteto in deliziose ricette di sua invenzione.

Già, perchè nel 2015 nasce in azienda anche un piccolo laboratorio di trasformazione, sempre da un'idea di Silvia.

Consente di trasformare e conservare tutta la verdura e la frutta che non viene consumata fresca, esattamente come si faceva una volta. Senza conservanti, senza additivi chimici. Minimizzando gli sprechi. 

Nascono così confetture, marmellate e conserve deliziose, grazie a una materia prima eccellente che, curata in ogni sua fase, ha percorso solo qualche metro per arrivare dal campo alla pentola.

Vuoi sapere come? Visita anche tu gli Orti di Sairano, Silvia ti aspetta in azienda!
Sarà felice di mostrarti gli orti e il frutteto, presentarti i fidi guardiani a quattro zampe e raccontarti com'è andata la stagione.

Ma attenzione: non provare a chiederle le fragole a Natale!

Gli Orti di Sairano

Frazione Sairano via San Damiano
Zinasco, 27030
Pavia / Lombardia / Italia
Telefono fisso: 0382914464

Pagina Facebook

Ti è piaciuta questa storia?
Vuoi ricevere via email gli aggiornamenti e le nuove storie pubblicate?! :)

Inserendo la tua email accetti automaticamente l'informativa sulla privacy - I tuoi dati personali saranno trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Non temere, odiamo lo spam quanto te!
-- OPPURE --

Ti potrebbe interessare anche...

Tutto quello che avete sempre voluto sapere sul Brasadè, ma non avete mai osato chiedere Brasadè: biscotto di nome o di fatto?

Tutto quello che avete sempre voluto sapere sul Brasadè, ma non avete mai osato chiedere

A pranzo da Silvano tra chiacchiere e cucina romagnola La cucina onesta: una favola di Natale

A pranzo da Silvano tra chiacchiere e cucina romagnola

Da Cuba alla Toscana: storia di un ritorno alla terra e un'agricoltura che salva la montagna Dove sangiovese, olio e zolfini hanno un'anima: l'osteria agricola Sàgona

Da Cuba alla Toscana: storia di un ritorno alla terra e un'agricoltura che salva la montagna

Sono presenti 0 commenti.

 

Accedi, registrati oppure inserisci i tuoi dati

Tutti i campi sono obbligatori - Accetti le normative sulla privacy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. clicca qui se vuoi saperne di più. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.